[nexa] (no subject)

Stefano Quintarelli stefano at quintarelli.it
Tue Mar 10 11:49:51 CET 2020


sono oberato in qeusti giorni
I stand my point
ritorniamoci a emergenza finita, pls.
gli atm hanno aumentato le filiali. e' l'online banking che la contrae
I stand my point


On 10/03/2020 11:35, Giuseppe Attardi wrote:
> 
> 
>> On 8 Mar 2020, at 16:12, nexa-request at server-nexa.polito.it 
>> <mailto:nexa-request at server-nexa.polito.it> wrote:
>>
>> veramente (quasi) tutti gli studi piu' recenti riguardo l'occupazione
>> dicono il contrario...
> 
> Potresti indicare quali sono questi studi?
> 
> Ho letto analisi che si basavano sull'osservazione che l’introduzione di 
> tecnologie come la ATM, che avrebbero dovuto far diminuire l’occupazione 
> bancaria, mentre invece ha prodotto l’aumento delle filiali e 
> dell’occupazione.
> 
> In realtà si è trattato di un miraggio e gli effetti opposti li stiamo 
> vedendo adesso che HBC licenzia 13000 dipendenti Unicredit 6000, ecc.
> Ci vogliono 15 anni perché una GPT (General Purpose Technology) produca 
> i suoi effetti, diffondendosi a tutti livelli e ogni dove.
> Ma quando avviene, gli effetti sono disruptive.
> 
> Questa volta (e mi spiace dirlo) la velocità con cui il cambiamento 
> avviene potrebbe essere maggiore e se posti di lavoro si creeranno, 
> saranno altrove quelli a valore aggiunto.
> Alle migliaia di lavoratori che perderanno il lavoro sarà di poca 
> consolazione sapere che un centesimo di quesi posti sono stati ricreati 
> all’interno dei grandi oligopolisti, aumentando ulteriormente 
> concentrazioni e disuguaglianze.
> I lavori che si creano in maggior numero sono generalmente di basso 
> livello dove gli usano sono al servizio delle macchine per compiti così 
> degradanti che non si adattano nemmeno alle macchine.
> Il film di Ken Loach, “Sorry, we missed you”, fa vedere quanto alienanti 
> sono questi mestieri.
> 
> La Ministra Paola Pisano ha citato uno studio di Goldman-Sachs, secondo 
> cui si sarebbero creati milioni di “tipi” di nuovi posti di lavoro.
> Milioni di ”tipi” di lavoro?
> Tu stesso, Stefano, nel libro Capitalismo Immateriale, fatichi a 
> indicare nuove possibilità di lavoro, oltre i mestieri di badante e 
> infermiere che richiedono interazione diretta in loco con le persone.
> Sono proprio i mestieri del film di Loach.
> 
> E un altro futuro dispotico in cui la disuguaglianza produce guerre 
> tragiche tra poveri è quello del film Oscar Parasite.
> 
> Benvenuti nel futuro tecnologico.
> Dovremmo cerchiamo di porre rimedio subito, prima che la curva 
> esponenziale superi il livello di non ritorno.
> 
> — Beppe
> 
> 
>> ;-)
>>
>> On 08/03/2020 13:09, Giovanni Leghissa wrote:
>>> Consentitemi di condividere alcune riflessioni con voi, sperando con ciò
>>> di non tediarvi.
>>>
>>> Si dice – dati alla mano – che la tendenza globale nel mondo della
>>> produzione ci porterà a una riduzione drastica dei posti di lavoro –
>>> saranno le “macchine” a svolgere molti lavori, e spariranno centinaia di
>>> milioni di posti di lavoro, alcune attività che non possono essere
>>> svolte grazie alle nuove tecnologie sopravvivranno, alcune a livello
>>> alto (lavori strapagati) e altre a livello basso (tipo donna delle
>>> pulizie; quel lavoro lì non lo fa un robot). Ora, a mio modesto avviso
>>> questa tendenza subirà un’accelerazione esponenziale a causa della crisi
>>> generata dal coronavirus. A partire dalla seconda metà dell’anno in
>>> corso sperimenteremo la prima grande crisi globale del nuovo secolo
>>> (nonostante il fatto che tra un anno o poco più ci sarà il vaccino per
>>> questo virus influenzale). Ma sarà peggiore di quella del 29 per una
>>> ragione semplicissima: non vedo nessuno in giro che si ponga come
>>> obiettivo delle politiche redistributive. Di conseguenza, è ragionevole
>>> supporre che si adotterà un po’ ovunque il modello Singapore, cioè una
>>> democrazia totalitaria volta a mantenere i privilegi del famoso un
>>> percento della popolazione composto dai possessori di patrimoni. Inutile
>>> dire che fine faranno la libertà di insegnamento e la libertà di parola.
>>> L’economia, grazie a misure stile piano Marshall a livello globale, in
>>> dieci anni si riprende, ma la democrazia mi sa che non tornerà tanto
>>> presto a farsi viva, se le cose stanno così come stanno ora.
>>>
>>> Che ne pensate?
>>>
>>> Giovanni
> 
> 
> _______________________________________________
> nexa mailing list
> nexa at server-nexa.polito.it
> https://server-nexa.polito.it/cgi-bin/mailman/listinfo/nexa
> 

-- 
reserve your meeting with me at https://cal.quintarelli.it


More information about the nexa mailing list