[nexa] supporto a scuole ed open source

karlessi karlessi at alekos.net
Sun Mar 8 12:58:13 CET 2020


Ciao,

anche noi usiamo da parecchi anni jitsi

sia come semplice client XMPP o SIP (ma chiaramente ci vuole un server a
cui collegarsi), sia soprattutto attraverso l'istanza segnalata da
Stefano, https://meet.jit.si

nella nostra esperienza il problema principale è legato alla banda
disponibile degli utenti più "deboli" della videoconferenza

cioè, se per esempio ci diamo un appuntamento in dieci nella stanza tal
dei tali, chi ha una banda buona segue senza problemi tutto
(video-audio, condivisione schermo, ecc.), mentre chi ha banda di bassa
qualità, soprattutto con elevate latenze e upload scarso, patisce freeze
dello schermo ecc. e gli altri non lo sentono/vedono bene

certo se tutti si mettono a usarlo non so quanto regge, ad ogni modo,
parlo di https://meet.jit.si

- mi capita di tenere video-audioconferenze con oltre 40 partecipanti
senza problema. siamo arrivati (in audio con condivisione schermo) a 70,
penso possa andare oltre. purtroppo il browser più consigliato è Chrome
(meglio Chromium), Firefox e derivati hanno qualche difficoltà in più.
se freeza, refreshare funziona quasi sempre. in ogni caso batte Skype
senza paragoni (anche perché Skype su linux è terribile)
- situazione "docenza": consiglio di togliere il video, mettere
condivisione schermo, eventualmente con slide (anche se preferisco
pubblicare slide su web e fornire un altro indirizzo), decidere
preventivamente regole strette per interventi (alzare la mano per
chiedere la parola, usare la chat per comunicazioni "di servizio",
silenziare i microfoni di ciascun partecipante quando non devono
intervenire, ecc.).
- tenere a disposizione un canale chat e scambio file ecc. di fallback.
Noi di solito usiamo riot.im (al posto di whatsapp, telegram, signal
ecc.), lì ci diamo appuntamenti, lì ci passiamo i link eventuali a file
pesanti che stanno su un nostro nextcloud. l'audio funziona benissimo
anche su riot, e si può farsi un'istanza proprio, che è un server matrix
(ma non è banale, altrimenti ci sono server da pochi dollari al mese,
per pochi utenti però), ma per vedere lo schermo degli altri ci vuole
jitsi, che è comodo in aggiunta a tmux anche per cose sistemistiche non
strettamente legate ad ambienti di terminale
- l'app mobile funziona egregiamente, anche in quel caso bisogna
silenziare i microfoni e togliere il video e usare la chat per
organizzare i turni di parola ecc.

per creare la propria istanza (che può scalare fino a migliaia di
streaming contemporanei), il collo di bottiglia è la banda. non serve un
server enorme, RAM e CPU sono secondarie, ma ci vuole banda.

https://github.com/jitsi/jitsi-videobridge

molte risorse e discussioni utili per insegnanti ecc. anche non tecnici
si trovano qui

http://www.wiildos.it/

peccato per il googlegroups, ma capisco bene che è complicato usare
alternative FLOSS

segnalo anche altri due approcci, nettamente più complicati e che
richiedono altre risorse:

https://bigbluebutton.org/

si può mettere dentro Moodle e altre piattaforme del genere, ma è
indietro a Ubuntu 16.04

https://nextcloud.com/talk/

se avete un'istanza nextcloud già attiva, è ok

ciao

k.

> 
> Message: 1
> Date: Sun, 8 Mar 2020 10:52:09 +0100
> From: Stefano Zacchiroli <zack at upsilon.cc>
> To: "nexa at server-nexa.polito.it" <nexa at server-nexa.polito.it>
> Subject: Re: [nexa] supporto a scuole ed open source
> Message-ID: <20200308095209.lz7sje7p332ibca4 at upsilon.cc>
> Content-Type: text/plain; charset=iso-8859-1
> 
> On Sun, Mar 08, 2020 at 10:37:53AM +0100, Leslie CameronCurry wrote:
>> Vi chiedo se potete suggerire dei servizi per incontri video.
> 
> Approfitto di questo sotto thread per una condivisione di
> domande/consigli su questo punto. Uso da anni Jitsi Meet (via la sua
> istanza https://meet.jit.si/ ) per audio/video conferenze di lavoro.
> Rimpiazza *benissimo* tutti i servizi proprietari equivalenti ed è
> veramente multi piattaforma.
> 
> Esito però a consigliarlo in questa fase alle scuole perché: (1) non ho
> esperienza diretta di uso di Jitsi con 20-30 partecipanti (che sarebbe
> il caso delle scuole per le lezioni a distanza) e (2) trovo informazioni
> discordanti in rete a proposito di fino a quale limite di partecipanti
> funziona bene (il che è comprensibile perché ci sono molti fattori in
> gioco).
> 
> Qualcuno ha studiato la questione bene per il caso d'uso specifico della
> didattica a distanza? (Quinta: ho visto che chiedevi info su questo
> punto l'altro giorno su Twitter, ma non ho capito se hai raggiunto una
> conclusione.) Si può raccomandare Jitsi senza incorrere in rischi
> eccessivi di deludere gli utenti? Nel caso, si può raccomandare
> l'istanza pubblica oppure meglio consigliare un'installazione on premise
> ad hoc?
> 
> A presto
> 

-- 
"IMA - Internet, Mon Amour - https://ima.circex.org"

"C.I.R.C.E. - https://circex.org"

"tecnologie appropriate - https://alekos.net"

GPG keys available via keyservers https://pgp.mit.edu/
Key fingerprint = BDFB 786F 6B35 7EB0 CE48 530C FCF9 E111 3537 3013


More information about the nexa mailing list