[nexa] supporto a scuole ed open source

M. Fioretti mfioretti at nexaima.net
Fri Mar 6 23:48:52 CET 2020


On Thu, Mar 05, 2020 23:08:58 PM +0100, Giacomo Tesio wrote:

> Da qui a giugno ci sono 3 mesi, un tempo sufficiente per progettare,
> realizzare e distribuire sul territorio italiano un sistema di
> didattica online migliore di quello che possiamo realizzare in una
> settimana, con o senza Google & friends.

Forse ho capito male quello che hai in mente ma... con realizzare e
distribuire cosa ci fai? Stai dicendo che a GIUGNO studenti e
insegnanti a) sarebbero subito in grado di usare questo mirabilante
sistema (vedi sotto), senza perdere due settimane a capire come si
accende, come si usa eccetera... e b) che a quel punto dovrebbero
recuperare quello che non hanno fatto fino ad allora, cioe' lavorare
comunque in piena estate (di nuovo: auguri a chi non ha il
condizionatore), impedendo alle famiglie che possono permetterselo di
andare in ferie insieme?

> Ora, io non condivido la critica di Marco alla scuola italiana
> (troppo vasta, variegata e complessa per essere giudicata così
> facilmente)...

Copio e incollo verbatim quanto ho appena letto in un gruppo di
insegnanti su FB:

"io ho paura [del casino che combineremo con la didattica a distanza,
non del virus, NdR], da prox settimana tramite una piattaforma bambini
di 9 anni a cui non fanno vedere un computer manco dipinto, con
insegnanti ottime in tradizionale ma che a livello digitale hanno una
didattica del tipo "abbiamo comprato i tablet ma non sappiamo cosa
farne " dovranno usare pdf, video, esercizi interattivi, schede, non
si sa quale altra roba. Seguiti dai nonni o dalle tate magari.  Ho
fatto una prova: giustamente mia figlia a 9 anni non sa usare il
mouse"

La scuola italiana e' vasta, variegata e complessa, nessuno lo nega. E
sicuramente bisogna trattare come pianeti completamente separati
ALMENO 4 contesti, cioe' elementari, medie, superiori e universita'.

Ma, almeno nei primi tre casi, negare che il livello MEDIO GENERALE di
preparazione a queste cose sia talmente sotto il pavimento (delle
cantine) da sconsigliare seriamente di buttare tempo e soldi per
qualsiasi versione di "progettare, realizzare e distribuire sul
territorio italiano un sistema di didattica online migliore IN TRE
MESI" mi pare assurdo. Soprattutto considerando la spinta culturale
che ci sara' per tornare ai vecchi sistemi appena possibile. Altro che
LIM.

Sicuramente nei prossimi mesi sbocceranno tante esperienze di
e-learning meravigliose e valide, da copiare e diffondere CON CALMA,
ma nate dal basso, senza ambizioni nazionali. Non vedo l'ora.

Ma nel frattempo cerchiamo di spendere tutto quel che e' possibile in
potenziamento serio della sanita', che quelli son soldi da spendere
comunque, in "generi" di prima necessita', che sicuramente verranno
usati tutti ogni giorno, per parecchi anni.

Marco

-- 

M. Fioretti http://mfioretti.com                   http://stop.zona-m.net

Your own civil rights and the quality of your life heavily depend on how
software is used *around* you


More information about the nexa mailing list