[nexa] migrazione ateni italiani su gmail

Luciano Paccagnella luciano.paccagnella at unito.it
Thu Jul 3 15:12:39 CEST 2014


Cari nexiani, come qualcuno di voi sicuramente già sa, diversi atenei
italiani -- tra cui l'Università di Torino -- stanno dismettendo i
propri sistemi di gestione della mail istituzionale, per aderire
all'offerta educational di Gmail.

Allego di seguito alcune mie considerazioni sulla questione espresse in
sede di Consiglio del mio dipartimento, che ritengo possano interessare
questa lista.

grazie per eventuali commenti.

Luciano

Il giorno 19 giugno 2014 i membri del Dipartimento di Culture, Politica
e Società dell'Università di Torino hanno ricevuto una strana mail, con
subject "Migrazione Account Gmail", proveniente da un indirizzo finora
sconosciuto. Il testo della mail informava brevemente che "il tuo
account personale di posta elettronica a partire dalle ore 9 di
mercoledì 25 giugno verrà migrato sul nuovo servizio di posta
elettronica di Ateneo. Si precisa inoltre che al primo accesso nel nuovo
account è necessario accettare le condizioni di contratto". Lo stesso
messaggio sta giungendo, scaglionato nelle tempistiche a seconda dei
dipartimenti di afferenza, a tutto il personale dell'ateneo torinese.

La struttura del messaggio presenta alcuni elementi tipici del fishing
(ovvero le mail-truffa), tra cui un singolo riferimento nel subject a
Gmail (il noto servizio di mail dell'azienda americana Google) di cui
però non si dice nulla nel testo del messaggio, un cenno a una
fantomatica "migrazione", ma nessun dettaglio concreto che possa far
pensare davvero alla modifica di un servizio essenziale come la posta
elettronica istituzionale di ateneo. Ho quindi archiviato il messaggio
come spazzatura, o come uno scherzo, o come qualcosa che se si fosse
dimostrato autentico sarebbe stato dignitosamente ripreso, illustrato e
discusso con mail successive.

Alcuni giorni dopo ho scoperto che non si tratta di uno scherzo.
L'Università di Torino, uno dei maggiori atenei italiani, sta davvero
chiudendo il proprio servizio di posta elettronica istituzionale e,
attraverso un accordo con Google, si affiderà d'ora in avanti a Gmail.

A quanto pare, il servizio offerto gratuitamente da Google farà
risparmiare 100.000 euro all'anno di gestione della posta elettronica
per i 450.000 utenti del dominio unito.it e offrirà alcune funzionalità
avanzate. Gli utenti vengono rassicurati che i vecchi messaggi non
andranno persi e anzi aumenterà lo spazio a disposizione.

Francamente, non sono queste le rassicurazioni che desidero. Piuttosto
mi chiedo:

* è possibile visionare preventivamente le "condizioni di contratto" che
"è necessario accettare al primo accesso nel nuovo account"? o bisogna
"accettare" a scatola chiusa?

* è possibile rifiutare di accettare queste condizioni? o accettarne
solo alcune e negoziarne altre? 

* dal momento che l'università di Torino non ha più un proprio servizio
di mail, cosa succede se un docente (che ha bisogno della posta
elettronica per svolgere il suo lavoro) non accetta il contratto con
Google?

* quali garanzie ci sono sul tipo di utilizzo che eventualmente Google
potrà fare del contenuto dei messaggi, in particolare in presenza di
dati sensibili?

* dove risiederanno fisicamente i server su cui verranno archiviati i
dati? a quale legislazione faranno riferimento?

* quali garanzie ci sono circa l'eventualità che il servizio offerto
oggi gratuitamente da Google, diventi domani a pagamento? o circa
l'eventualità che Google cambi unilateralmente le condizioni di
contratto attuali?

* sono stati valutati i costi di uscita dall'adesione al servizio Gmail?
a quali condizioni economiche, tecnologiche e di formazione del
personale sarà possibile in futuro valutare l'adesione a servizi
concorrenti, oppure un ritorno a un servizio gestito autonomamente?

* se è vero che l'Università di Torino ha speso finora 100.000 euro
all'anno per la sola gestione del servizio di posta elettronica, come è
stato calcolato questo costo?

* la decisione, da parte di un'istituzione pubblica, di dismettere il
proprio servizio di posta elettronica e affidarsi a quello offerto da
un'azienda privata è carica di implicazioni tecnologiche, sociali,
politiche, economiche e giuridiche. Sono molti i docenti del nostro
ateneo che si occupano di questi temi: qualcuno di loro è stato
consultato?

* chi si è fatto carico di questa decisione, quando, e in quale sede?

Spero che almeno alcune di queste domande possano trovare una risposta.

Luciano Paccagnella
Professore Associato di Sociologia dei processi culturali
Dipartimento di Culture, Politica e Società
Università di Torino


-- 
Dipartimento di Culture, Politica e Società
Università di Torino
http://www.didattica-cps.unito.it/do/docenti.pl/Show?_id=lpaccagn








More information about the nexa mailing list